Konjac Sponge, la spugna purificante che rimuove il make-up senza struccante

sponge konjac

Spesso quando si ha necessità di esfoliare e detergere la pelle, si tende a ricorrere a prodotti aggressivi che puliscono sì, ma soprattutto irritano le pelli più delicate.

Ultimamente sul web, a proposito di pulizia del viso, s parla moltissimo di una novità, diventata un tormentone, la Konjac Sponge, una spugna estratta dalla radice di Konjac, molto nota in Asia per le sue proprietà benefiche. (Io della radice di Konjac ve ne ho parlato a proposito degli Shirataki, buonissimi spaghetti senza carboidrati che ho cucinato con le verdure).

La Konjac Sponge è composta da fibre vegetali, è biodegradabile ed è priva di coloranti. Si usa senza l’aggiunta di detergenti per la detersione quotidiana del viso e per rimuovere il make-up (anche quello waterproof!). Leggi il resto di questo articolo »

Brufoli e punti neri? La colpa è dello smartphone. Ecco 4 consigli per difendere la nostra pelle dai batteri

smartphone_bellezza_viso

C’è una minaccia silenziosa per la salute della nostra pelle. Ora starete pensando ai raggi ultravioletti, allo smog, all’inci cattivi di certi prodotti cosmetici. Sì, certo, ma non solo.

In realtà con questo “nemico” passiamo la maggior parte del nostro tempo, ci siamo così affezionate che ci sentiremmo perse senza di lui: è il nostro smartphone.

Avete mai pensato a quanto tempo trascorriamo con la faccia incollata al nostro telefono? La superficie del telefono è un pericoloso ricettacolo di batteri, lo teniamo in borsa, in tasca, tra le mani, lo appogiamo sul tavolo al bar, sulla scrivania in ufficio… e poi lo portiamo sul viso per rispondere ad una chiamata, è così che germi, sporcizia e batteri passano dal telefono alle nostre guance. Leggi il resto di questo articolo »

“Bodies of mothers” una fotografa celebra il corpo delle donne dopo il parto

10989125_1046519702030209_8092421703424442945_nCosa succede al corpo dopo una gravidanza? Attrici e modelle sbandierano fiere il recupero della forma fisica nel giro di poche settimane, c’è chi torna sul set fotografico in bikini, chi dichiara di dover dire grazie ai propri geni, chi a diete miracolose.

Ma dall’altra parte ci sono le donne vere, quelle che stringono tra le braccia i propri bambini ma guardano allo specchio la pelle dell’addome rilassata, le smagliature, il seno meno tonico…

La fotografa americana Jade Beall, ha deciso di rendere omaggio a loro con il progetto “Bodies of mothers” e di immortalare in una serie di immagini la bellezza autentica delle donne che hanno partorito da poco e che mostrano un corpo con i segni evidenti della gravidanza, segni sulla pelle che non le rendono certo meno belle. ( Di donne e smagliature ne abbiamo parlato anche QUI). Leggi il resto di questo articolo »

Lululeika su Cover Magazine, la modella fa infuriare la Danimarca: “è anoressica”

Lululeika_Ravn_Liep_modella_danese_anoressica

Si chiama Lululeika Ravn Liep, è una modella originaria di Copenhagen, in Danimarca ed è attualmente nell’occhio del ciclone, accusata di essere anoressica e di veoicolare un messaggio errato, complice Cover, la rivista che l’ha immortalata in una serie di foto impressionanti.

Tutto è scaturito da una foto in cui la modella indossa un total look Céline che ne evidenzia la magrezza e porta l’attenzione su un problema alimentare serio: ossa sporgenti, mani scheletriche, praticamente pelle ed ossa. Ma il problema è che Lululeika non è che una delle migliaia di ragazze che, per entrare e rimanere nel mondo della moda, si sottopone a vere e proprie torture alimentari, dal bere solo liquidi al mangiare unicamente insalata, alternando fasi di digiuno o che qualcuno durante un casting l’ha scelta, l’ha vestita, l’ha fotografata ed il direttore di una rivista ha concesso di pubblicarla? Leggi il resto di questo articolo »

Il make-up quando si va per i 40: beauty tips, colori da evitare e prodotti da usare

trucco 40 anni

Il rossetto rosso, un tocco di luce sugli occhi, il fard per esaltare gli zigomi: il trucco passepartout per ogni donna. Se però a vent’anni basta davvero poco per valorizzare la propria bellezza, quando ci si avvicina ai quaranta, certi piccoli escamotage possono essere utili per camuffare piccole rughe e mettere in risalto i nostri punti di forza.

I make-up artist lo sanno bene e suggeriscono di puntare su pochi colori quando ci si trucca, anche se la tentazione di affondare i pennelli nelle bellissime palette che affollano gli scaffali delle profumerie e sbizzarrirsi è tanta: la verità è che fino ai 40 anni si può pensare che ogni cosa sia permessa, poi deve arrivare la consapevolezza di ciò che davvero ci dona, lo sguardo si fa così più attento e si focalizza sul nostro viso, più che sulle tendenze. Leggi il resto di questo articolo »

Leggi il nuovo numero