Beauty news

Allenare il punto G e l’orgasmo: come e perché le donne dovrebbero farlo

LELO_LUNA_Smart_Bea

LELO_LUNA_Smart_Bea

Gli addominali da sfoggiare in bikini, gli squat per un sedere perfetto, la corsa per tonificare le gambe da mostrare sotto la gonna… noi donne ci alleniamo per migliorare il nostro aspetto fisico, per essere più informa, toniche, sode, snelle. Ma non solo le gambe, i glutei, l’addome vanno allenati, c’è una parte del nostro corpo, che un po’ è un mito, un po’ il santo gral del sesso, va tenuta in consdierazione: il punto G.

Il piacere della donna risiede lì, c’è chi chiede “tutte le donne hanno il punto g?” e la risposta è sì, qualcuno non lo trova, qualche altra non sa bene “come usarlo” ma in soccorso delle donne arrivano alcuni strumenti intelligenti e persino la medicina.

Lelo per esempio, numero 1 dei produttori di sex toys di lusso, ha pensato ad un vero e proprio personal trainer per il piacere, si chiama LUNA Smart Bead e nasce per aiutare le donne a raggkungere l’orgasmo e a migliorarne la sensazione. Come? Questo piccolo aggeggino stabilisce una routine di allenamenti personalizzati, un work out per le nostre parti intime, grazie a dei sensori tattili che progressivamente intensificano gli esercizi. Perché? Perché l’appagamento sessuale migliora l’amore, la coppia e la sicurezza.

In pratica: va indossato internamente, ad ogni vibrazione che produce voi dovete rispondere con una contrazione della stessa durata della vibrazione. Sostanzialmente vi aiuta a praticare in maniera corretta i famosi esercizi Kegel (che se non conoscete dovreste proprio googlare). Il risultato? Diminuire il tempo necessario per raggiungere un orgasmo e ad aumentarne la durata.

Ma se gli esercizi non bastano, esiste un intervento inventato dall’americano Dott. Matlock che permette di enfatizzare l’area sensibile (il punto g) facilitandone l’eccitamento attraverso un impianto di circa 3-4 cc di acido ialuronico monofasico, molto morbido e riassorbibile. Basta una piccola anestesia locale per sottoporsi all’intervento.

A questo proposito ecco le statistiche prodotte da una ricerca:

  • Il 76% delle donne dichiara che il loro orgasmo dura meno di sei secondi
  • L’11% delle donne non ha mai provato quello che chiamerebbero un climax
  • Solo il 4% delle donne si dichiara “pienamente soddisfatta” dei propri orgasmi
  • Solo il 17% delle donne prova regolarmente orgasmi multipli
  • Il 33% delle donne dichiara di non avere mai provato un orgasmo multiplo

 



Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia un Commento

Connect with Facebook