Beauty news Make-up Viso

Touche Éclat YSL: cattura la luce, elimina i segni di stanchezza e attenua i difetti. Ecco come e quando si usa

tutorial_touche_eclat_yslCi sono gesti che diventano parte integrante della tua routine quotidiana, come pettinarsi i capelli o lavarsi i denti, Touche Éclat di Yves Saint Laurent è una di quelle abitudini, l’ho rubato una volta dalla trousse di mia madre, un giorno che avevo finito il mio correttore ed avevo assolutamente bisogno di un aiutino per camuffare le occhiaie. Da quel giorno, con quella penna e quel magico clic, è stato amore a prima vista. Superfluo specificare che quel Touche Éclat non è poi tornato nella trousse del legittimo proprietario.

Sì perchè definire il Touche Éclat un correttore è riduttivo, è un illuminante (il primo, nato nel 1992), un perfezionatore della pelle, è una penna d’oro capace di cancellare con un gesto i segni della stanchezza regalando 8 ore di sonno con quel click, capace di risvegliare la pelle cancellando ombre e accendendo di luce i punti strategici del viso, scolpendo i lineamenti. Capito perchè nel mondo se ne vende uno ogni 10 secondi?tutorial_ysl_touche_eclat

Se vi state chiedendo “come può una penna fare tutto questo?” sappiate che è la stessa domanda che mi sono posta io. A rispondere alle mie curiosità è stato Valter Gazzano, National make-up artist Yves Saint Laurent che una mattina a Milano, mi ha letteralmente illuminata raccontandomi come e dove si applica Touche Éclat.

Solo allora mi sono resa conto che quella penna del peso di appena 20 grammi che amavo già e portavo sempre in borsa per ritocchi al volo, era in realtà un rivelatore di splendore,  che aveva ben maggiori potenzialità e utilizzi rispetto a quelli che conoscevo. Partendo dalle parole di Lloyd Simmonds, Direttore Artistico Maquillage Yves Saint Laurent Beauté: «Touche Éclat non maschera, illumina. La luminosità non è mai “applicata” dall’esterno, ma si sprigiona da dentro. Uno splendore immediato»,  vi racconto cosa ho imparato e perchè, oggi, ancora più di prima Touche Éclat è il mio “maipiùsenza”, un toccasana per il mio viso che con un click mi veste di luce, cancellando le zone d’ombra.

touche_eclat_come_si_usa

Quando si applica? Dopo il fondotinta, prima di ultimare il trucco. Durante la giornata, ogni volta che sento il bisogno di “illuminare”, correggere e perfezionare la pelle. Dopo una giornata fuori casa, quando spunta a sorpresa un invito a cena e non ho tempo o voglia di tornare a casa a rifare il trucco. É un gesto così semplice che basta tirarlo fuori dalla borsa e, specchietto alla mano, utilizzarlo dove serve “cliccando” per far uscire la quantità di prodotto che serve, stenderlo col suo pennellino-applicatore e poi picchettarlo leggermente con le dita per sfumarlo.

touche_eclat_tutorial

Dove si applica? Forse faccio prima a dirvi dove non lo applico perchè la mappa dei punti clou del viso che necessitano di luce, è davvero lunga.

Contorno Occhi: Touche Éclat si applica sotto la palpebra inferiore, nell’angolo interno , nel mio caso anche in quello esterno che tende ad essere più scuro perchè la mia pelle lì è più sottile e perchè è lì che ci sono le linee (odio chiamarle rughe!) d’espressione. In questo modo cancello quell’espressione stanca e lo sguardo appare subito più fresco e riposato.

Naso: Ai lati del naso, le cosiddette ali,  per schiarire  la naturale ombra che si crea. Se volete mettere in evidenza il naso basta stendere una striscia sopra e poi picchettare con il polpastrello (un consiglio: usate sempre il dito anulare perchè è quello col tocco più leggero che sfuma, ma non porta via il prodotto).

Contorno labbra: per dare più volume lo picchetto al centro, sotto il naso e sopra il labbro superiore, ma lo uso anche per cancellare una sbavatura di matita o rossetto o quando voglio ridisegnare il contorno delle labbra.

Zigomi: Dopo il fard, basta qualche tocco sulla parte alta per mettere in evidenza gli zigomi, creando una sorta di effetto 3D che li fa risaltare.

touche_eclat_utilizzi_

Capìto perchè il Touche Éclat si è guadagnato tra le beauty addict il titolo di bacchetta magica? Vi lascio con il bellissimo video che vede protagonista Cara Delevingne e Jourdan Dunn.

Photo credits: Sonia Grispo


Potrebbe interessarti

7 Commenti

  • Reply
    Fulvy
    15 aprile 2014 at 19:24

    Ciao ire, l’alternativa è di Sephora!

  • Reply
    Fulvy
    15 aprile 2014 at 10:44

    Valentina,non metto in dubbio l’utilità della tua recensione, soprattutto per chi vuole farsi un’idea sul prodotto pubblicizzato. Essendo molto attenta al mondo del make-up, certamente io non ho escluso gli innumerevoli utilizzi del touche éclat nè di qualsiasi altro prodotto cosmetico. Per quanto mi riguarda non “corregge”, sia per le tonalità proposte, che per la consistenza del prodotto. Le mie occhiaie hanno bisogno di un correttore dalla tonalità aranciata, difficile da trovare ( benefit n3 erase paste è ottimo per questa esigenza, in alternativa, su consiglio di Clio, ho acquistato kiko n3 full coverage concealer). Per i brufoletti rossi lo trovo troppo trasparente e poco consistente, quindi anche qui non assolve la funzione di “correttore”.
    Sì “illumina” e risalta quegli angoli di naso-bocca-fronte-mento-labbra così da migliorare i contorni del viso, ma a parità di risultato scelgo di spendere meno della metà acquistando l’alternativa, di evidente ispirazione ysl, che propone Sephora.

  • Reply
    ire
    14 aprile 2014 at 13:28

    fulvy hai prodotti law cost validi da suggerire? ho chiesto ad 1 truccatrice,ma mi ha rsp che non ci sono alternative law cost paragonabili al touch eclat… aggiornatemi! :))

  • Reply
    Fulvy
    14 aprile 2014 at 12:15

    Ciao, personalmente sono rimasta delusa dal Touche Éclat, date le aspettative che avevo da questo prodotto tanto decantato. Infatti non lo trovo migliore delle numerose alternative lowcost. Ritengo che sia uno di quei prodotti che acquistiamo in quanto siamo attratte dal packaging piuttosto che dalla qualità effettiva del prodotto. Salutiii 🙂

    • Valentina Grispo
      Reply
      Valentina Grispo
      14 aprile 2014 at 12:53

      Io non la penso così, infatti ho dato la mia opinione sul prodotto che è positiva. Spesso non si apprezzano le qualità di un prodotto perchè non se ne conoscono gli utilizzi possibili, questo post serve appunto ad “illuminare” chi non conosce bene Touche Eclat perchè si fa l’errore spesso di catalogarlo banalmente come “correttore” e ci si perdono le infinite possibilità di applicazione.

  • Reply
    Alice
    14 aprile 2014 at 11:25

    Questi articoli sono sponsorizzati vero? Ne parlate tutte, sia sui blog che su youtube…
    Mi sembra strana questa improvvisa invasione.. YSL l’ha mandato a tutte?
    Giusto per capire..

    • Valentina Grispo
      Reply
      Valentina Grispo
      14 aprile 2014 at 12:51

      Ciao alice, se avessi letto il post precedente dedicato al “tocco di luce” avresti capito che si tratta di un progetto di Yves Saint Laurent in cui sono state coinvolte diverse blogger dell’ambito beauty, fashion e lifestyle…no, quindi non è una coincidenza.

    Lascia un Commento

    Connect with Facebook