Beauty news

Ritocco estetico: dalla Barbie alle novità della mastoplastica additiva moderna

??????

A 57 anni ritocco estetico per Barbie, la bambola più famosa al mondo che ora assomiglia di più alle donne reali e che, per mettersi al passo con i tempi e guadagnare mercati che si sono allontanati, si è dovuta rifare il look rivedendo le sue misure, il colore dei capelli e il colore della pelle.

Un cambiamento rivoluzionario a cui il Time ha dedicato la propria copertina con un titolo assolutamente provocatorio: “Allora, vogliamo smettere di parlare del mio corpo?”. Un titolo che segna un cambiamento epocale nella concezione della bambola più celebre e amata del mondo; un titolo che si fa specchio di una società sempre più multietnica in cui il concetto stesso di bellezza femminile è costantemente in evoluzione.

La medicina estetica, nata negli anni ’70 e vista inizialmente come moda passeggera, segue questo trend evolutivo, proponendo trattamenti sempre meno invasivi e in linea con le richieste dei pazienti.
Lo stesso si può dire per gli interventi di chirurgia plastica che, col passare degli anni, hanno abbandonato definitivamente le forme esagerate, le labbra a “canotto”, il seno ridicolmente grosso e il lato B da star brasiliana. Attualmente, per esempio, lintervento chirurgico di mastoplastica additiva, che risulta essere uno dei più frequentemente eseguiti nell’ambito della chirurgia estetica mondiale,  non punta più a forme da maggiorate, ma attraverso l’utilizzo di protesi mammarie molto moderne e iper-tecnologiche, garantite a vita anche contro il rigetto o la contrattura capsulare, soddisfa appieno le richieste delle pazienti di avere un seno più florido, ma dalla forma assolutamente naturale.

La mastoplastica additiva moderna prevede il posizionamento delle protesi su un piano cosidetto “dual plane” che tradotto in italiano vuole dire “doppio piano” in quanto la protesi mammaria deve essere coperta nel polo superiore da muscolo pettorale mentre nel polo inferiore deve essere al di sotto della ghiandola mammaria in modo che si possa ottenere un risultato molto naturale.

L’intervento prevede un recupero post operatorio di 2-3 giorni di riposo assoluto dopo il quale la paziente può ricominciare gradualmente a guidare la macchina e a fare molte delle attività della vita quotidiana. La ripresa di tutte le attività compresa quella sportiva più impegnativa si consiglia trascorso un mese dall’intervento. Rispetto a quello che in genere viene riferito da pazienti operati da altri chirurghi o che si legge su internet il dolore postoperatorio è veramente minimo.

Mediante questo tipo di intervento si riescono a migliorare la forma e le dimensioni di un seno troppo piccolo o un seno che ha già un certo volume, ma una forma non soddisfacente, o ancora un seno che ha subito un dimagrimento eccessivo in seguito alla perdita di peso o a seguito di uno o più allattamenti.

È un intervento di rapida esecuzione che viene eseguito in anestesia generale o in alcuni casi in anestesia locale con sedazione e in regime di day hospital.

[foto chirurgia estetica donna via Shutterstock]

 

Potrebbe interessarti

Nessun Commento

Lascia un Commento

Connect with Facebook