Transvital Regenerating Cream: una crema viso da 360 euro testata per voi

Qualche settimana fa, ho ricevuto un pacco contenente la Regenerating Cream di Transvital, mi sono presa un po’ più del solito tempo per recensirla perchè mi sentivo investita da una responsabilità più grande. La premessa è la seguente: una crema da 360 euro non è certamente un prodotto di cosmesi alla portata di tutti, ma se siamo disposti a spendere 600 euro per un iPhone, 1000 euro per una IT bag e cifre esorbitanti per televisori LCD, HD, 3D chi può inorridire di fronte al costo di  una crema dalle altissime valenze tecnologiche? Io dico sempre che nella vita è questione di priorità. Questa crema mi ha piacevolmente colpito fin dalla prima applicazione, quest’ emulsione cremosa si stende sul viso con la delicatezza e piacevolezza di una morbida carezza, è molto ricca quindi ne basta davvero pochissima, da prelevare rigorosamente con l’apposita paletta.

Istruzioni a cui mi sono fedelmente attenuta per non “inquinare” il prodotto ( e perchè un simile “gioiello” è giusto centellinarlo). La sua funzione è quella di prolungare la vita delle cellule, di migliorare lo spessore del tessuto connettivo e l’aspetto della pelle in generale, rigenerando, appunto, l’epidermide. Io non posso dire se dopo 3 settimane le mie cellule siano cambiate, ma posso dire che l’aspetto della mia pelle è decisamente diverso: più luminoso, più elastico e quell’effetto lifting/filler che tanto mi incuriosiva si traduce in una rinnovata tensione generale del viso che fa apparire la pelle più giovane. La Regenerating Cream in sintesi è la Chanel della cosmesi, il Bulgari delle creme viso e sono felice di averla testata sulla mia pelle, regalandole così un’esperienza beauty a cinque stelle.

E quando il vasetto da 50 ml finirà? Bella domanda, intanto centellino la crema e mi godo la mia rigenerazione cellulare.

Lascia un Commento

Connect with Facebook







Leggi il nuovo numero